Razze di Shadowrun

I personaggi in Shadowrun, oltre che essere normali esseri umani, possono appartenere alle classiche razze fantasy (orchi, troll, elfi e nani) così come appartenere a certe sottospecie divergenti (dette metavarianti) come gnomi e giganti, che si sono evolute o trasformate da normali esseri umani. I nani e gli elfi comparvero per la prima volta nel 2011 (un fenomeno detto “UGE” dall’inglese Unexplained Genetic Espression – Espressione Genetica Inspiegabile) quando da genitori umani nacquero bambini appartenenti a queste due razze. Orchi e Troll comparvero per la prima volta nel 2021 quando il 10% della popolazione, colpita dal fenomeno detto goblinizzazione si trasformò in un Orco o in un Troll. Le razze così nate erano di fatto umane, ma non del tutto; per questo venne coniato il termine generico di “metaumani”.

Sebbene il termine metaumanità serva ad abbracciare tutti i ceppi di Homo Sapiens, compreso quello degli umani “normali”, non tardarono a sopraggiungere tensioni raziali estremamente accese che in più di un’occasione sfociarono in violenza, con conseguenze terribili.

Ovviamente non solo gli esseri umani sono stati cambiati dall’imfluenza della magia; anche piante ed animali ritenuti estinti o frutto leggende popolari sono tornati a popolare le regioni del pianeta, sconvolgendo gli ecosistemi e portando così avanti il radicale cambiamento che è alla base del “Sesto Mondo”.

Inoltre un virus conosciuto come HMHVV (Human Meta-Human Vampiric Virus – Virus Vampirico Umano e Metaumano) con molti ceppi varianti ha causato mutazioni ulteriori creando Bandersnatch, Banshee, Dzoo-noo-qua, Goblin, Ghoul, Nosferatu, Vampiri, Wendigo, Fomorian Selvaggi e altri abominii feroci che non sono più né umani, né senzienti.

Metatipi Base

Metatipi Derivati

Elfi

Nani

  • Gnomi

Orchi

Troll

Metatipi Alterati

  • Mutaforma

Minoranze Etniche (Metatipi non giocabili)

  • Orge
  • Satiri
  • Giganti
  • Ciclopi
  • Dalakitnon
  • Harumen
  • Koborokuru
  • Menehune
  • Querx

Razze di Shadowrun

memento vivere Diil